Cosa ti manca di più della scuola?

I compagni, l’intervallo, l’odore della lavagna, il sorriso della maestra. Cosa ti manca più della scuola? Scrivilo sulla nostra bacheca qui sotto. Lasciamo un messaggio alle istituzioni, a chi prende decisioni. Facciamogli capire che dietro ogni scelta c’è un bambino, con i suoi sentimenti, con la sua voglia di vivere.

Cosa ti manca di più della scuola?

 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati con un * sono obbligatori.
5 messaggi.
DAVIDE da RECANATI pubblicato il Marzo 19, 2021
mi mancano i compagni, giocare insieme e parlare con la maestra perchè dal computer non mi vede mai
Viola da Ispra pubblicato il Marzo 10, 2021
Mi mancano tanto i miei compagni!
Camilla da Ispra pubblicato il Marzo 10, 2021
A me della scuola manca tutto..i compagni, le maestre...
Matilde da Ispra pubblicato il Marzo 10, 2021
Mi mancano tanto i miei compagni
Leonardo da Ispra pubblicato il Marzo 10, 2021
Mi mancano i miei amici

DAD: non facciamoci l’abitudine!

La chiusura delle scuole, soprattutto elementari e medie in alcune regioni e luoghi d’Italia è una scelta che giudichiamo sbagliata e che mette in ginocchio non solo le famiglie e gli insegnati, costretti a trovare soluzioni nell’arco di poche ore, ma che mina anche l’istruzione in senso più ampio e generale. Questa decisione priva i bambini del diritto allo studio e della possibilità di vivere questo momento fondamentale della loro formazione come allievi ed esseri umani in maniera corretta.

Dopo più di un anno di pandemia, l’istruzione e le dinamiche che il sistema scolastico comporta avevano trovato un equilibrio grazie a protocolli di sicurezza e di controllo, rendendo di fatto la scuola un ambiente fortemente tutelato.

Troviamo ingiusto che intere famiglie si debbano trovare a gestire problematiche logistiche così importanti in poche ore, tanto è stato il preavviso.

Troviamo ingiusto che i bambini, nonostante i sacrifici e gli sforzi per adempiere ai propri doveri nel rispetto di regole che stavano funzionando, si trovino di nuovo confinati nelle proprie mura di fronte ad un computer, senza quella socialità che ha da sempre rappresentato l’essenza più profonda dell’essere umano.

Troviamo tutto questo semplicemente sbagliato.