Oggi parleremo di Cesare Borgia, della sua vita e della sua storia tramite questo riassunto per bambini. Buona lettura!

Sapevi che...

Abbiamo scritto un eBook che contiene ben 50 Merende per la Scuola? Si tratta di ricette semplici e sane per preparare sfiziosi spuntini per il tuo intervallo e non solo. Puoi prepararli da solo o insieme ai tuoi genitori!

Scarica il libro

Chi era Cesare Borgia

Cesare Borgia è stato uno dei personaggi italiani più importanti del Cinquecento. 
Cesare Borgia discende da una famiglia abile nel gestire ruoli di potere; ma la sua fama è anche quella di un uomo feroce, che avrebbe fatto di tutto per ottenere i suoi  scopi.
Per Niccolò Machiavelli rappresentava un abile condottiero che avrebbe potuto anche unificare l’Italia.
Machiavelli ne era affascinato a tal punto da citarlo nella sua opera “Il Principe”.

La vita di Cesare Borgia

Cesare Borgia, figlio del papa Alessandro VI, nacque nel 1475 a Subiaco, un comune di Roma.
Cesare sembrava dovesse intraprendere la carriera ecclesiastica, tanto che a 17 anni fu nominato arcivescovo di Valencia; successivamente divenne cardinale e, nel 1495, governatore generale e legato di Orvieto.
Nonostante questa carriera ecclesiastica, Cesare Borgia aveva altre intenzioni, al punto che rinunciò al titolo cardinalizio.
I motivi sembrano essere legati al fatto che non si sentisse attratto dalla vita ecclesiastica e alla morte di suo fratello Giovanni che fu assassinato, forse, per volontà di Cesare, rinunciò alla vita ecclesiastica.

Il matrimonio, l’alleanza con la Francia e la sue grandi doti da condottiero

Nel 1499 Cesare Borgia sposa Carlotta, sorella de re di Navarra; grazie a questa unione stabilì un’alleanza con la Francia che gli servirà per la conquista della Romagna.
L’8 ottobre 1499 entra a Milano insieme al Re e inizia così la sua collaborazione con l’esercito francese che portò a diverse conquiste di territori.
Le sue imprese ispirarono anche opere di pittori, come quella di Gaetano Previati dal titolo “Cesare Borgia, Duca del Valentino”.
A seguito delle sue imprese di conquista, ottenne dal papa la nomina a Vicario papale per i territori conquistati e molto denaro per finanziare il proprio esercito.
Si racconta che quando Cesare Borgia era sul campo di battaglia indossava una maschera nera, amava scrivere poesie e lavorava giorno e notte insieme ai suoi ufficiali per ottenere la vittoria.
Si dice inoltre che fosse particolarmente violento verso nemici e prigionieri, tanto da torturali senza pietà.
Le sue battaglie proseguirono nel 1500 contro gli stati nemici della Chiesa, ottenendo numerosissime vittorie.
Cesare Borgia collaborò anche con Leonardo Da Vinci, che svolse per lui le funzioni di architetto militare e ingegnere capo.
Con la ferocia di Cesare e la strategia di Leonardo, la marcia del suo esercito era davvero inarrestabile.

Cesare Borgia verso la conquista della Toscana

La Toscana iniziò a preoccuparsi che il Borgia volesse conquistarla e così, nel 1502 Machiavelli iniziò ad entrare in contatto con lui per verificare le sue intenzioni senza mai riuscire a capirle del tutto.
Machiavelli descrive li Duca come una persona dal coraggio sovraumano in grado di ottenere tutto ciò che voleva.
Oltre che dai suoi avversari, Cesare divenne molto temuto anche tra i suoi alleati a tal punto che alcuni di essi, tra cui Vitellozzo Vitelli, iniziarono ad allearsi con l’obbiettivo di dichiarargli guerra.
Iniziarono dunque una propaganda per far perdere consensi al Borgia.
Cesare decise così di scendere a patti con loro e raggiungere la pace organizzando una riunione Senigallia.
La riunione sembrava andata per il meglio e gli invitati firmarono un accordo di pace ma, proprio in quello momento, Cesare Borgia fece un segnale e nella sala entrarono le sue guardie che arrestarono tutti i suoi avversari.
Oliverotto da Fermo e Vitellozzo furono strangolati quella stessa notte, mentre gli altri condannati a morte e uccisi qualche giorno dopo.
Successivamente, dopo altre conquiste Cesare e suo padre furono invitati a cena dal cardinale Corneto.
Pochi giorni dopo i due ebbero febbre alta e vari malori; si disse che durante la cena furono avvelenati, ma poi si scoprì che il motivo di quei malanni era la malaria, che portò alla morte di Alessandro VI.

La morte di Cesare Borgia


Dopo una serie di vicende, il cardinale Giuliano Della Rovere fu eletto papa con il nome di Giulio II.
Quest’ultimo era nemico di Cesare Borgia e gli tolse il governo della Romagna e lo fece arrestare.
Venne quindi trasferito in Spagna dove rimane fino al 1506, quando riesce ad evadere e a rifugiarsi a Pamplona presso la corte di Navarra.Morì il 12 Marzo 1507, ferito gravemente durante un assalto alla fortezza.

Conclusione

Siamo giunti al termine di questo riassunto per bambini della scuola media dedicato a Cesare Borgia. Speriamo che quanto scritto ti sia stato utile per la tua ricerca!

50 Merende Per La Scuola

Quanto hai trovato utile questo contenuto?

Clicca sulle stelline per votare

Punteggio medio 5 / 5. Voti totali: 1

Nessuno ha ancora votato. Potresti essere il primo!

Grazie 😍 Non perdere altri contenuti come questo!

Seguici sui nostri canali social

Siamo spiacenti che tu non abbia trovato utile questo contenuto 😞

Aiutaci a capire perchè!

Secondo te, come potremmo migliorare i nostri contenuti?

Ti abbiamo aiutato?

Aiutaci a rimanere attivi e a produrre altri contenuti come questo. Basta poco!

Diventa sponsor o produttore esecutivo del nostro sito

Sapevi di poter diventare “sponsor”, “main sponsor” o “produttore esecutivo” di ricercheperlascuola.it? Clicca qui per saperne di più.

Oppure…

Se devi acquistare qualsiasi cosa su Amazon, potresti farlo cliccando qui. In questo modo Amazon ci riconoscerà una piccola percentuale sul tuo acquisto. A te non cambia nulla; per noi sarà un piccolo, grande aiuto!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.