Ossimoro: significato

Un ossimoro è una figura retorica che consiste nell’unire due parole o concetti che si contraddicono o che sono in netto contrasto tra loro. L’ossimoro crea un effetto di sorpresa e contrapposizione, spesso utilizzato per creare un impatto emotivo o comunicare un concetto in maniera più vivida e suggestiva.

Sapevi che...

Abbiamo scritto un eBook che contiene ben 50 Merende per la Scuola? Si tratta di ricette semplici e sane per preparare sfiziosi spuntini per il tuo intervallo e non solo. Puoi prepararli da solo o insieme ai tuoi genitori!

Scarica il libro

Ossimoro: esempi

Un esempio comune di ossimoro è la frase “dolce amaro”. Le parole “dolce” e “amaro” sono opposte nel loro significato, ma unite insieme creano un effetto di contraddizione che può evocare un senso di dualità o conflitto.

Altri esempi di ossimoro includono “silenzio assordante”, “oscura luce”, “fredda fiamma”, “malvagia bontà” e così via. Questa figura retorica viene spesso utilizzata in letteratura, poesia, pubblicità e anche nella comunicazione quotidiana per creare un impatto linguistico e rendere più vividi e paradossali i concetti espressi.

Qual è il contrario di ossimoro?

Il contrario di un ossimoro non ha un termine specifico, poiché l’ossimoro stesso rappresenta l’unione di concetti opposti. Tuttavia, potremmo dire che l’opposto di un ossimoro potrebbe essere una figura retorica o una forma di espressione che enfatizza la coerenza o l’armonia tra i concetti.

Ad esempio, un esempio di figura retorica che si oppone all’ossimoro è l’eufemismo, che viene utilizzato per mitigare o attenuare l’effetto di parole o concetti sgradevoli. Mentre l’ossimoro crea un effetto di contrasto, l’eufemismo cerca di rendere un concetto più accettabile o meno sconcertante.

Tuttavia, è importante notare che le figure retoriche spesso si complementano e possono essere utilizzate in combinazione per creare effetti linguistici più complessi e ricchi di significato.

50 Merende Per La Scuola

Esempi frasi con ossimoro

  1. “Un silenzio assordante riempì la stanza.” L’ossimoro qui è tra “silenzio” e “assordante”, poiché “silenzio” suggerisce un’assenza di suoni, mentre “assordante” implica un suono forte e intenso.
  2. “L’oscura luce della notte avvolse la città.” L’ossimoro risiede nell’accostamento di “oscura” e “luce”, poiché “oscura” suggerisce un’assenza di luce, mentre “luce” implica illuminazione.
  3. “La dolce amarezza del ricordo mi tormenta.” L’ossimoro qui è tra “dolce” e “amarezza”, poiché “dolce” evoca una sensazione piacevole, mentre “amarezza” implica una sensazione negativa.
  4. “Un sorriso triste si dipinse sul suo viso.” L’ossimoro sta nell’accostamento di “sorriso” e “triste”, poiché “sorriso” implica gioia o felicità, mentre “triste” suggerisce tristezza o malinconia.
  5. “La folla silenziosa urlava il suo scontento.” L’ossimoro risiede nell’accostamento di “folla silenziosa” e “urlava”, poiché “folla silenziosa” suggerisce assenza di rumore, mentre “urlava” implica un suono forte.
  6. “L’eterna fugacità del momento presente.” L’ossimoro sta nell’accostamento di “eterna” e “fugacità”, poiché “eterna” suggerisce qualcosa di infinito o duraturo, mentre “fugacità” implica un periodo breve o transitorio.
  7. “Il sole nero illuminava il cielo notturno.” L’ossimoro risiede nell’accostamento di “sole nero”, poiché “sole” è comunemente associato alla luce e al calore, mentre “nero” evoca l’assenza di luce.
  8. “Il rumore silenzioso delle parole non dette.” L’ossimoro sta nell’accostamento di “rumore silenzioso”, poiché “rumore” implica un suono udibile, mentre “silenzioso” suggerisce l’assenza di suoni.
  9. “La libertà prigioniera delle sue catene.” L’ossimoro risiede nell’accostamento di “libertà prigioniera”, poiché “libertà” suggerisce l’assenza di restrizioni o vincoli, mentre “prigioniera” implica essere intrappolati o limitati.
  10. “La triste gioia che provava si rifletteva nei suoi occhi.” L’ossimoro qui è tra “triste” e “gioia”, poiché “triste” suggerisce malinconia o dispiacere, mentre “gioia” implica felicità o piacere.

Quanto hai trovato utile questo contenuto?

Clicca sulle stelline per votare

Punteggio medio 0 / 5. Voti totali: 0

Nessuno ha ancora votato. Potresti essere il primo!

Grazie 😍 Non perdere altri contenuti come questo!

Seguici sui nostri canali social

Siamo spiacenti che tu non abbia trovato utile questo contenuto 😞

Aiutaci a capire perchè!

Secondo te, come potremmo migliorare i nostri contenuti?

Ti abbiamo aiutato?

Aiutaci a rimanere attivi e a produrre altri contenuti come questo. Basta poco!

Diventa sponsor o produttore esecutivo del nostro sito

Sapevi di poter diventare “sponsor”, “main sponsor” o “produttore esecutivo” di ricercheperlascuola.it? Clicca qui per saperne di più.

Oppure…

Se devi acquistare qualsiasi cosa su Amazon, potresti farlo cliccando qui. In questo modo Amazon ci riconoscerà una piccola percentuale sul tuo acquisto. A te non cambia nulla; per noi sarà un piccolo, grande aiuto!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.