Bucefalo il cavallo di Alessandro Magno

Bucefalo, il leggendario indomabile destriero di Alessandro Magno

Questa ricerca su Bucefalo, il leggendario indomabile destriero di Alessandro Magno, ci è stata inviata dai nostri lettori Valentina, Cecilia, Fabiana e Arber. Se anche tu hai scritto una ricerca o un riassunto, inviacelo: lo pubblicheremo sul nostro sito!

Prima di iniziare a leggere...

Stampa e ritaglia i nostri cartoncini!

Abbiamo preparato dei coloratissimi cartoncini da stampare e ritagliare. Contengono le tracce che puoi seguire per scrivere le tue ricerche scolastiche di storia, geografia e scienze! Inserisci i dati per riceverli via email! 😉

* campi obbligatori
   

Bucefalo: il cavallo di Alessandro Magno

Il Bucefalo era la migliore razza di cavalli della Tessaglia. Alcune ipotesi sostengono fosse un esemplare dell’odierna razza akhal-teke, discendente dal cavallo turcomanno, un cavallo di razza orientale sviluppatasi nelle steppe dell’Asia Centrale.

Bucefalo era il nome del cavallo di Alessandro Magno.

Il suo nome deriva dal greco “bous”, bue, e “kephale”, testa, e significa “testa di bue”.

Nel 342 a.c., Filippo Il Macedone, padre di Alessandro, acquistò un cavallo di nome Bucefalo da Filonico di Tessaglia, alla somma di 13 talenti.

Ben presto Filippo si rese conto delle difficoltà di domare il cavallo e pensò di restituirlo al precedente proprietario, tanto questo era recalcitrante alla monta e turbolento.

Il giovane Alessandro, un ragazzo forte e dalla notevole destrezza fisica, osservando il comportamento del cavallo, si propose di montarlo.

Il padre contrariato gli fece scommettere il prezzo del cavallo: se Alessandro avesse fallito, avrebbe dovuto pagare lui il cavallo. Nella sorpresa generale, ci riuscì. Non appena Alessandro si avvicinò a Bucefalo, il cavallo si inginocchiò e si lasciò accarezzare con dolcezza.

Alessandro, inoltre, aveva notato che Bucefalo aveva paura dei movimenti della propria ombra e lo rivolse, quindi, col muso verso il sole prima di lanciarsi in sella. Alessandro, quindi, vinse la scommessa. Quando si presentò da Filippo con la bestia domata, il re pianse d’orgoglio e, baciandolo in fronte, gli disse: “Figlio mio, dovrai conquistarti un altro regno, perché la Macedonia è troppo piccola per te”.

Da allora Bucefalo non si lasciò montare da nessun altro e Alessandro non ebbe un altro destriero. Grazie a lui, riuscì a conquistare la Persia comandata da Dario III.

Come morì Bucefalo

Il sodalizio tra Bucefalo e Alessandro durò 20 anni e fu spezzato dalla morte del destriero.

Durante la battaglia dell’Idaspe, che contrappose i Macedoni di Alessandro all’armata del re indiano Poro nell’anno 326 a.c., Bucefalo riportò gravissime ferite.

Nonostante questo, fece appello alle sue ultime forze e portò Alessandro alla vittoria. Alla sera, Bucefalo si stese al suolo e morì per le ferite riportate, all’età di 20 anni. Fu sepolto con gli onori militari e sul luogo della sua sepoltura fu fondata la città di Alessandria Bucefala.

Conclusioni

Eccoci arrivati alla fine di questa ricerca su Bucefalo. Ringraziamo ancora Valentina, Cecilia, Fabiana e Arber per avercela inviata!

Quanto hai trovato utile questo contenuto?

Clicca sulle stelline per votare

Punteggio medio 5 / 5. Voti totali: 3

Nessuno ha ancora votato. Potresti essere il primo!

Grazie 😍 Non perdere altri contenuti come questo!

Seguici sui nostri canali social

Siamo spiacenti che tu non abbia trovato utile questo contenuto 😞

Aiutaci a capire perchè!

Secondo te, come potremmo migliorare i nostri contenuti?

Tuo figlio ha bisogno di un aiuto in più?

Trova un tutor che possa aiutarlo con i compiti, anche da remoto! Clicca qui.

Ti abbiamo aiutato?

Aiutaci a rimanere attivi e a produrre altri contenuti come questo. Basta poco!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *