Foto del Molise per ricerca

Ciao ragazzi e ragazze! Siete pronti per una nuova avventura virtuale? Oggi vi porterò alla scoperta di una città incantevole e piena di sorprese: Campobasso, situata nel cuore della regione Molise.
Siete pronti per partire in questa nuova avventura virtuale? Allora mettiamoci comodi e iniziamo subito la nostra ricerca sulla città di Campobasso!

Sapevi che...

Abbiamo scritto un eBook che contiene ben 50 Merende per la Scuola? Si tratta di ricette semplici e sane per preparare sfiziosi spuntini per il tuo intervallo e non solo. Puoi prepararli da solo o insieme ai tuoi genitori!

Scarica il libro

Alla scoperta di Campobasso

Campobasso è una città italiana situata nella regione Molise, nel centro-sud del paese. Di seguito sono riportati alcuni dati e fatti interessanti sulla città:

Campobasso è la capitale della regione Molise ed è la città più grande della regione in termini di popolazione, con circa 38.000 abitanti.

La città si trova su una collina a un’altitudine di circa 700 metri sul livello del mare ed è circondata da montagne.

Campobasso ha una lunga storia che risale almeno al IX secolo, quando fu fondata dai Longobardi. Durante i secoli successivi, la città fu governata da varie potenze, tra cui i Normanni, gli Svevi, gli Angioini e i Borboni.

Campobasso è nota per la sua architettura medievale e rinascimentale, tra cui la Cattedrale di Campobasso, che risale al XVIII secolo, e il Castello Monforte, una fortezza medievale situata in cima alla collina della città.

La città è anche famosa per la sua gastronomia, che comprende piatti come la sagne ‘ncannulate (pasta fresca ripiena di ricotta, salumi e formaggio), la polenta e salsiccia e il torcinelli (dolci fritti).

Campobasso è un importante centro culturale nella regione Molise, con numerosi musei, teatri e gallerie d’arte. La città ospita anche il Festival internazionale del cinema di frontiera, un festival cinematografico che si tiene ogni anno a novembre e che presenta film provenienti da tutto il mondo.

Campobasso ha anche una vivace vita notturna, con numerosi bar, pub e discoteche che si animano durante i fine settimana.

Storia della città di Campobasso

La storia di Campobasso risale almeno al IX secolo, quando fu fondata dai Longobardi. La città si trovava in una posizione strategica sulla collina di Campobasso, che la rendeva facilmente difendibile dagli attacchi nemici. Nel corso dei secoli successivi, la città fu governata da varie potenze, tra cui i Normanni, gli Svevi, gli Angioini e i Borboni.

Durante il medioevo, Campobasso fu un importante centro commerciale e culturale, con una fiorente attività artigianale e una vita culturale molto attiva. Nel 1528, la città divenne la capitale della contea di Molise, che comprendeva anche altre città della regione.

Nel XIX secolo, con l’avvento del Regno d’Italia, Campobasso divenne un importante centro amministrativo e culturale nella regione Molise. La città subì gravi danni durante la Seconda Guerra Mondiale, ma venne ricostruita negli anni successivi.

Nel corso degli ultimi decenni, Campobasso ha vissuto una serie di trasformazioni sociali ed economiche, che hanno portato alla creazione di nuove attività commerciali e alla crescita della città. Oggi, Campobasso è una città moderna e vivace, che ha conservato gran parte del suo patrimonio storico e culturale.

Territorio e morfologia di Campobasso

Campobasso si trova nella regione Molise, nel centro-sud dell’Italia. La città è situata su una collina a un’altitudine di circa 700 metri sul livello del mare ed è circondata da montagne.

Il territorio di Campobasso è caratterizzato da una morfologia collinare, con numerosi rilievi che formano una serie di valli e creste. La collina su cui sorge la città è di origine calcarea e argillosa, con alcune zone rocciose.

Il territorio circostante è molto vario, con numerosi torrenti e fiumi che scorrono attraverso le valli. Il fiume Biferno, uno dei più importanti della regione Molise, attraversa la valle di Campobasso e costituisce una risorsa importante per l’agricoltura e la pesca locale.

Fiumi e laghi di Campobasso

Il territorio di Campobasso è caratterizzato dalla presenza di numerosi fiumi, torrenti e laghi. Di seguito sono riportati i principali corsi d’acqua e specchi d’acqua presenti nella zona:

Fiume Biferno: il Biferno è uno dei fiumi più importanti della regione Molise. Attraversa la valle di Campobasso e sfocia nel mare Adriatico dopo un percorso di circa 85 chilometri. Il fiume costituisce una risorsa importante per l’agricoltura e la pesca locale.

Fiume Fortore: il Fortore è un fiume che attraversa la provincia di Campobasso. Ha una lunghezza di circa 110 chilometri e sfocia nel mare Adriatico vicino al Gargano.

Lago di Occhito: il lago di Occhito è un lago artificiale situato a pochi chilometri da Campobasso. È stato creato negli anni ’50 per scopi idroelettrici e costituisce oggi una riserva naturale con numerose specie di flora e fauna.

Lago di Guardialfiera: il lago di Guardialfiera è un altro lago artificiale situato nella provincia di Campobasso. È stato creato negli anni ’50 per scopi idroelettrici ed è oggi una meta turistica molto popolare, grazie alle sue acque limpide e alla presenza di numerose attività all’aria aperta.

Fiume Trigno: il Trigno è un fiume che scorre nella provincia di Campobasso e sfocia nel mare Adriatico. Ha una lunghezza di circa 85 chilometri e costituisce una risorsa importante per l’agricoltura locale.

In generale, i fiumi e i laghi di Campobasso offrono numerose opportunità per attività all’aria aperta, come la pesca, il canottaggio e le escursioni.

Clima flora e fauna di Campobasso

Il clima di Campobasso è di tipo mediterraneo, con estati calde e secche e inverni freddi e umidi. La temperatura media annuale è di circa 13°C, con temperature che oscillano tra i 30°C in estate e i -5°C in inverno.

La vegetazione della zona è costituita principalmente da boschi di querce e faggi, con numerose zone di macchia mediterranea. In alcune zone più elevate, si trovano anche alcune specie di conifere. Tra le specie di piante più comuni della zona, si possono citare la quercia da sughero, la quercia rossa, il castagno e il pino nero.

La fauna della zona è molto varia, con numerose specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi. Tra le specie di animali più comuni della zona, si possono citare il cinghiale, la volpe, il capriolo, il tasso, la donnola e la faina. Tra gli uccelli, si possono citare la poiana, il gufo, il falco pellegrino e la cicogna bianca. Tra i rettili, si trovano la lucertola, la vipera, il biacco e il colubro.

In generale, il territorio di Campobasso offre numerose opportunità per osservare la flora e la fauna locali, grazie alla presenza di numerose aree protette e riserve naturali. Tra le aree più importanti, si possono citare la Riserva naturale regionale Lago di Guardialfiera, il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e il Parco regionale del Matese.

I monumenti più importanti di Campobasso

Campobasso, città situata nella regione Molise, possiede un patrimonio artistico e culturale di grande valore. Di seguito sono elencati alcuni dei monumenti più importanti della città:

  • Castello Monforte: situato in cima alla collina del centro storico, il Castello Monforte è uno dei simboli di Campobasso. Costruito nel XIII secolo, il castello ospita oggi il Museo della cultura materiale del Molise.
  • Cattedrale di Campobasso: la cattedrale di Campobasso, dedicata a San Giorgio, è uno dei monumenti religiosi più importanti della città. Costruita nel XVIII secolo, la cattedrale presenta una facciata in stile barocco e un interno riccamente decorato.
  • Chiesa di San Bartolomeo: la chiesa di San Bartolomeo è un’altra importante chiesa di Campobasso. Costruita nel XVI secolo, presenta un bellissimo portale rinascimentale e un interno con numerose opere d’arte.
  • Teatro Savoia: il Teatro Savoia è uno dei teatri più antichi del Molise. Costruito nel XIX secolo, presenta un interno in stile neoclassico e una facciata in stile liberty.
  • Palazzo San Giorgio: situato nel cuore del centro storico di Campobasso, il Palazzo San Giorgio è un bellissimo esempio di architettura civile barocca. Ospita oggi il Museo del territorio e della gente del Molise.
  • Fontana dei Sanniti: la Fontana dei Sanniti è una fontana monumentale situata nella piazza principale di Campobasso. Costruita nel XIX secolo, presenta una serie di statue che rappresentano i personaggi più importanti della storia del Molise.
  • Chiesa di Sant’Antonio Abate: la chiesa di Sant’Antonio Abate è una delle chiese più antiche di Campobasso. Costruita nel XIII secolo, presenta un bellissimo portale in stile romanico e un interno decorato con affreschi del XVI secolo.

Questi sono solo alcuni dei monumenti più importanti di Campobasso, una città che offre numerosi tesori artistici e culturali da scoprire.

L’economia di Campobasso

L’economia di Campobasso si basa principalmente sull’agricoltura e sull’industria. Il territorio circostante la città è ricco di terre fertili e coltivabili, dove si producono numerosi prodotti agricoli come grano, ortaggi, frutta, olive e vino. In particolare, il vino prodotto nella zona è molto apprezzato a livello nazionale e internazionale.

Oltre all’agricoltura, Campobasso ospita anche numerose attività industriali, tra cui la produzione di tessuti, calzature, prodotti alimentari e di beni di consumo. La città è inoltre un importante centro per l’artigianato, con numerosi laboratori che producono oggetti in ceramica, legno e tessuto.

Il turismo rappresenta un’altra importante fonte di reddito per Campobasso. La città, infatti, è situata in una posizione strategica tra la costa adriatica e le montagne dell’Appennino centrale, e offre numerosi attrattivi turistici, tra cui i suoi monumenti storici, i paesaggi naturali e la gastronomia locale.

Infine, è importante sottolineare che l’economia di Campobasso è strettamente legata a quella dell’intera regione Molise. Molise, infatti, è una delle regioni più piccole e meno popolate d’Italia, e la sua economia si basa principalmente sull’agricoltura, sull’industria e sul turismo.

Folklore e cucina di Campobasso

Il folklore di Campobasso è molto ricco e variegato, e rappresenta un importante patrimonio culturale della città e della regione Molise. Tra le tradizioni più importanti di Campobasso, possiamo citare:

La festa di San Giorgio: la festa di San Giorgio, patrono di Campobasso, si celebra il 23 aprile con una processione solenne per le vie della città, accompagnata dalla banda musicale locale.

La festa della Madonna del Monte: la festa della Madonna del Monte si celebra il 8 settembre con una solenne processione che parte dalla chiesa di San Bartolomeo e arriva fino alla chiesa di Santa Maria del Monte, situata su una collina nei pressi della città.

La sfilata dei Misteri: la sfilata dei Misteri è una processione che si svolge la sera del venerdì santo, durante la quale vengono portati in processione i Misteri, cioè gruppi di statue che rappresentano la passione di Cristo.

La cucina di Campobasso è caratterizzata da piatti semplici ma gustosi, che utilizzano materie prime locali e tradizionali. Tra i piatti tipici della città e della regione Molise, possiamo citare:

La zuppa di ceci: una zuppa calda e gustosa a base di ceci, patate, sedano e carote.

La polenta: un piatto a base di farina di mais, che può essere servito con salsicce, funghi e formaggi locali.

Le orecchiette alla molisana: una pasta fresca a forma di orecchiette, servita con sugo di pomodoro, peperoncino e formaggio pecorino.

Il castrato alla molisana: una carne di agnello cotta in umido con pomodori, cipolle, carote e sedano.

Il brodetto di pesce: una zuppa di pesce tipica della costa adriatica, preparata con diversi tipi di pesce, pomodoro e peperoncino.

Il caciocavallo podolico: un formaggio tipico della regione Molise, prodotto con latte di vacca di razza podolica.

Inoltre, è importante sottolineare che la regione Molise è famosa anche per la produzione di vini pregiati, come il Tintilia del Molise e l’Aglianico del Molise, che accompagnano perfettamente i piatti della tradizione locale.

Curiosità sulla città di Campobasso

Eccoti alcune curiosità interessanti sulla città di Campobasso:

  • Il nome della città di Campobasso deriva dal latino “campus vassus”, che significa “campo di caccia”.
  • La città ha una lunga tradizione di produzione di strumenti musicali, in particolare di chitarre, grazie alla presenza di numerose botteghe artigiane specializzate in questo settore.
  • Campobasso è la sede della più antica università del Molise, l’Università degli Studi del Molise, fondata nel 1982.
  • Ogni anno, a Campobasso si svolge la manifestazione “I Misteri”, una processione che rievoca la Passione di Cristo con la partecipazione di centinaia di figuranti in abiti d’epoca.
  • Uno dei piatti tipici di Campobasso è la “pallotte cace e ove”, ovvero delle polpette di pane condite con uova e formaggio.
  • Nel centro storico della città si trova il Museo dei Misteri, dove sono conservati i manufatti e i costumi usati durante la processione dei Misteri.
  • A Campobasso si trova il Castello Monforte, un imponente edificio medioevale costruito nel XIII secolo per volontà dei normanni.
  • La città ospita ogni anno il Festival delle Regioni, un evento culturale che celebra le tradizioni e le peculiarità delle diverse regioni italiane.

Conclusione

In conclusione, Campobasso è una città ricca di storia, cultura, tradizioni e bellezze naturali, situata nel cuore della regione Molise. La città offre numerosi attrattivi turistici, tra cui i suoi monumenti storici, i paesaggi naturali, la gastronomia locale e le tradizioni popolari.
Infine, desidero ringraziare tutti i bambini che hanno approfondito la ricerca su Campobasso.Grazie di cuore!

50 Merende Per La Scuola

Viaggia, conosci, esplora l’Italia

Esistono tantissimi giochi e risorse utili che possono aiutare i bambini a comprendere e memorizzare al meglio la geografia, soprattutto quella del nostro paese. Tra i tanti prodotti disponibili, consigliamo un meraviglioso puzzle chiamato Viaggia, conosci, esplora l’Italia.

Puzzle sull'Italia

 

Noi l’abbiamo regalato ai nostri bambini e lo hanno letteralmente adorato, facendolo e rifacendolo più volte. Contiene anche un bellissimo libretto illustrato. Qui sotto vi mostriamo alcune foto. Se vi piace e volete regalarlo ai vostri figli, lo trovate a questo link.

Quanto hai trovato utile questo contenuto?

Clicca sulle stelline per votare

Punteggio medio 4.5 / 5. Voti totali: 2

Nessuno ha ancora votato. Potresti essere il primo!

Grazie 😍 Non perdere altri contenuti come questo!

Seguici sui nostri canali social

Siamo spiacenti che tu non abbia trovato utile questo contenuto 😞

Aiutaci a capire perchè!

Secondo te, come potremmo migliorare i nostri contenuti?

Ti abbiamo aiutato?

Aiutaci a rimanere attivi e a produrre altri contenuti come questo. Basta poco!

Diventa sponsor o produttore esecutivo del nostro sito

Sapevi di poter diventare “sponsor”, “main sponsor” o “produttore esecutivo” di ricercheperlascuola.it? Clicca qui per saperne di più.

Oppure…

Se devi acquistare qualsiasi cosa su Amazon, potresti farlo cliccando qui. In questo modo Amazon ci riconoscerà una piccola percentuale sul tuo acquisto. A te non cambia nulla; per noi sarà un piccolo, grande aiuto!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.